Agricola, il migliore gioco da tavolo degli ultimi anni

agricola.jpgAgricola, il gioco disegnato da Uwe Rosenberg, ha riscosso un immediato successo di critica e di pubblico, vincendo prestigiosi premi (Spiele des Jahres, IGA, Tric Trac D’or) e raggiungendo subito la prima posizione nella classifica dei migliori giochi votati dagli utenti del sito Boardgamegeek.

Come il titolo lascia intendere, l’ambientazione di Agricola non prevede sanguinose lotte tra eserciti, o esplorazioni di pericolosi dungeon. I giocatori impersonano una famiglia di agricoltori del medioevo che deve gestire al meglio la propria fattoria attraverso lo scorrere delle stagioni e dei relativi raccolti.

Ogni giocatore è dotato di una plancia di gioco che rappresenta il suo appezzamento di terreno. Sulla plancia sono presenti le prime due stanze della sua casa e i primi due occupanti. Turno dopo turno i giocatori devono posizionare i loro membri della famiglia sul tabellone comune, assegnando loro i compiti per quel turno. I compiti variano dall’arare un campo, al seminarlo, all’allevare un animale, al raccogliere cibo o risorse, al costruire stanze e recinti per il bestiame, all’allargare la famiglia. Nelle varianti più complesse del gioco, inoltre, intervengono anche le azioni legate a carte speciali.argicola2.jpg

Il gioco si sviluppa su quattordici round. A ogni round diventano disponibili nuove azioni e ogni tot round i giocatori devono interrompere il normale flusso di gioco per occuparsi del raccolto. Questa è la fase più delicata del gioco perchè ogni membro della famiglia deve essere sfamato e se durante i round precedenti non si è accumulato abbastanza cibo si rischiano pesanti penalità.

Agicola è un gioco adatto sia alla famiglia che ai giocatori esperti. Le regole prevedono varianti facili da giocare anche con i bambini e più complesse. I mazzi di carte da aggiungere al gioco permettono di creare partite molto strategiche e aumentano decisamente la longevità.

Forse l’unico difetto di Agricola è la poca interazione. L’unico momento in cui ci si scontra veramente con gli altri giocatori è la fase di posizionamento dei membri della famiglia sul tabellone comune. Ogni spazio può contenere un solo agricoltore per round, quindi chi primo arriva meglio alloggia.

La mancanza di interazione però è ampiamente ripagata da meccaniche semplici e varie; e dalla grande soddisfazione nel vedere crescere la propria fattoria, indipendentemente dalla vittoria finale.

Agricola è disponibile anche in versione italiana a cura della Stratelibri. Versione che, refusi a parte, è vivamente consigliata per la massiccia presenza di testo sulle carte da gioco.


Agricola, il migliore gioco da tavolo degli ultimi anniultima modifica: 2009-03-22T11:15:14+00:00da iodissociato
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Agricola, il migliore gioco da tavolo degli ultimi anni

  1. Io ho ricevuto impressioni contrastanti su questo titolo e quando l’ho provato non l’ho trovato propriamente adatto a tutti, tanto che alla fine, superata la curiosità di sapere semplicemente cos’era, a tutt’oggi dal mio gruppo di amici solo uno ha voluto (o meglio, accettato di 😉 ) provarlo.

    Mi chiedo sempre come abbia fatto a scalare la vetta di BGG, data la sua peculiarità e complessità ..: anche in giro per internet le recensioni lo hanno dipinto o come un capolavoro assoluto, oppure hanno evidenziato i suoi numerosi (per loro) difetti, tra i quali il primo, che hai evidenziato, legato alla scarsa interattività.

    Tu come l’hai trovato ??
    Alla fine lo preferisci ad altri o rimane sullo scaffale ??

  2. E’ un gioco di gestione delle risorse, ma da questo punto di vista secondo me è inferiore sia a Caylus che a Puerto Rico. Non è meritata la posizione occupata in BGG, anche se si sa che lì i giochi più complicati tendono a ottenere più punti, a scapito del fattore divertimento che un gioco in quanto tale dovrebbe avere. La componentistica mi ha impressionato quanto ho aperto la scatola, ma in fin dei conti più per il numero delle carte e dei dadi risorsa.

Lascia un commento